Visualizzazione post con etichetta dessert. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta dessert. Mostra tutti i post

Cassata al forno

I dolci siciliani mi piacciono tantissimo perchè io adoro la ricotta. La classica cassata l'ho preparata spesso ma, sbirciando qua e là nel web, ho visto che esiste una versione molto più antica che viene preparata soprattutto nei giorni di festa. Si tratta di un guscio di pasta frolla (fatta con lo strutto!) che racchiude uno strato di pan di spagna e una crema di ricotta e zucchero arricchita da scaglie di cioccolato e scorza d'arancia candita...praticamente un bomba ma buonissima!!!

Così, visto che oggi  è l'onomastico di Chiara e, visto che anche lei adora la ricotta, mi è sembrata l'occasione giusta per prepararla.



La ricetta è tratta dal sito Rossella in padella e la trovate qui.

Tantissimi auguri Chiara!!!!!!!!!!!!

 


Gelato al mascarpone e frutti di bosco...senza gelatiera!!!

In cucina ho davvero di tutto, stampi di ogni genere, strumenti per il cake design, planetaria, robot, teglie di tutte le forme...anche il forno per le pizze ma c'è una cosa che mi manca: la gelatiera!!!
Così quando trovo ricette di gelato che si possono preparare senza gelatiera non posso non provare. Questa volta l'idea viene dal gruppo delle blogger di Re-Cake 2.0 che, con la loro proposta, mi hanno davvero incuriosito.
Ho apportato una piccola modifica alla ricetta originale sostituendo i lamponi con frutti di  bosco misti e come forma ho scelto degli stampini in silicone per muffin...




INGREDIENTI

Per il gelato al mascarpone senza gelatiera:

112 g di mascarpone
155 g di latte condensato
250 ml di panna fresca
I semi di 1 bacca di vaniglia
Un pizzico di sale
 
Per la composta di frutti di bosco:

125 g di frutti di bosco
50 g di Zucchero
2 cucchiaini di succo di limone
 
Per completare:

125 g di frutti di bosco
30 g di pistacchi non salati
 
 
PROCEDIMENTO
 
Preparate la composta
  1. Mettete i frutti di bosco in una casseruola insieme allo zucchero e al succo di limone, ponetela sul fuoco e cuocete per una decina di minuti, mescolando spesso, finché non avrete ottenuto un composto con la consistenza di una marmellata. Spegnete il fuoco e fate raffreddare completamente.
Preparate il gelato
  1. Mettete nella ciotola della planetaria o in una ciotola capiente il mascarpone e il latte condensato e montateli fino a ottenere una crema liscia e vellutata. Aggiungete anche la panna, la vaniglia e il sale. Montate a neve fermissima.
  2. Aggiungete i frutti di bosco, i pistacchi e mescolate delicatamente, per non smontare il composto.
  3. Aggiungete qualche cucchiaiata della composta di frutti di bosco alla base del gelato e variegatelo mescolandolo con la lama di un coltello, sempre molto delicatamente.
  4. Mettete il gelato negli stampi a forma di ciambella (o in quelli da muffin o gli stampi che preferite) e trasferite il tutto in freezer per 4-6 ore.




A me è piaciuto tantissimo...e anche ai bambini, anche troppo!!! E' facilissimo da fare, si presta ad infinite variazioni e resta morbido anche appena estratto dal freezer...insomma va assolutamente provato!!!

Ringrazio le ragazze di Re-Cake 2.0 e vi lascio la locandina del contest:


https://www.deliziosavirtu.it/wp-content/uploads/2018/07/image.jpeg

Torta anniversario!!!

Oggi i miei genitori compiono 41 anni di matrimonio e questa è la torta che ho preparato per loro...base pan di spagna, farcitura con chantilly alla vaniglia e fragoline di bosco, decorazione con panna e  meringhe e cake topper realizzato da me...




Tantissimi auguri mamma e papà da me, Gigi, Chiara e Carlo!!!!

 



Kinder fetta al latte...home made!!

Come far felice un bambino??? A volte basta davvero poco, un dolcetto preparato insieme e la gioia di scoprire che è ancora meglio di quello comprato al supermercato.
Ecco come in un caldissimo pomeriggio decidi di accendere il forno e di provare questo dolce che, devo dire la verità, piace molto anche a me...magari con un po' di zucchero in meno!!!


La ricetta è tratta dal blog HoVogliaDiDolce ed è davvero semplicissima!!!
Un'idea carina è quella di tagliare tanti quadratini e congelarli, estratti qualche minuto prima di mangiarli sembrano dei veri e propri gelati!!!

 

Dolcetti al cocco

Un dolcetto sfizioso e facile da preparare? Se vi piace il cocco questa ricetta fa al caso vostro!!!
Ci vorranno davvero 5 minuti e il risultato è ottimo. Io ho modificato la ricetta originale sostituendo metà dello zucchero con zucchero di cocco integrale. Questo conferisce un sapore più intenso e anche un colore più scuro. Se preferite potete utilizzare solo zucchero semolato.





INGREDIENTI

240 g di cocco disidratato in polvere
  75 g di zucchero integrale di cocco

75 g di zucchero semolato
  40 g di farina
3 uova
la buccia grattugiata di 1 limone
1 pizzico di sale
zucchero a velo


PROCEDIMENTO

Sbattere leggermente le uova, unire il sale e la buccia di limone e mescolare. Aggiungere la farina di cocco e la farina setacciata. Infine incorporare gli zuccheri. Lavorare il composto fino a renderlo omogeneo. Formare delle palline di 20 g, disporle su una teglia ricoperta di carta forno e cuocere in forno preriscaldato a 180°C per circa 15 minuti. Lasciar raffreddare e cospargere di  zucchero a velo prima di servire.








Crumble alle mandorle

Una cosa sfiziosa da sgranocchiare? Un modo semplice per consumare gli albumi avanzati? Un dolcetto  senza glutine, senza lattosio e senza sensi di colpa? Una ricetta con soli 3 ingredienti?
Tutto questo è il crumble alle mandorle...da provare!!!



INGREDIENTI

Albumi 300 g
Zucchero semolato 600 g
Mandorle (o altra frutta secca) 150 g

PROCEDIMENTO

Montare gli albumi con lo zucchero fino ad ottenere una meringa consistente. Aggiungere le mandorle, mescolare bene e stendere il composto in una teglia ricoperta di carta forno.  Cuocere in forno a 140°C per circa 70-80 minuti. A metà cottura girare il composto che si spezzerà in grosse briciole formando il crumble. Continuare la cottura finchè risulta completamente asciutto e bene dorato.



Anche questa scatolina a forma di fettina di torta l'ho fatta io. La trovo troppo carina!!!


Paris brest

Il paris brest è un dolce classico francese che prevede una base ad anello realizzata con la pasta choux ovvero la pasta dei bignè ed una farcia di crema mousseline pralinata. 
Carlo l'ha assaggiata in un ristorante e da allora non chiede altro!!! Così oggi lo ho accontentato...o quasi. Avevo ancora qualche zeppola di San Giuseppe e l'ho farcita con crema chantilly alla nocciola, una spolverata di zucchero a velo e qualche mandorla a lamella.
Ecco il mio paris brest...



La ricetta delle zeppole la trovate qui sul blog. Non sarà proprio la ricetta francese ma è piaciuta tantissimo...soprattutto a Carlo che ne ha mangiate 2 intere!!!




Cream Tart

E alla fine ho deciso di farla anch'io...ormai siamo circondati da queste torte dalle forme e i colori più disparati. Io, come prima prova, ho fatto una ciambella, uno zero o una O...insomma una forma semplice perché la cosa che più mi incuriosiva era capire se questa torta, bellissima da vedere, fosse anche facile da tagliare e buona da mangiare!!! La risposta è sì (confermata anche da tutta la mia famiglia), con la ricetta della pasta sablè che ho usato si taglia benissimo ed è davvero ottima.



INGREDIENTI

Farina 00 190 g
Farina di mandorle 25 g
Burro 110 g
Zucchero a velo 70 g
Uova 40 g
 Sale 1 pizzico
Essenza di vaniglia 1 cucchiaino

PROCEDIMENTO

Inserire in planetaria il burro tagliato a pezzetti e la farina e lavorare con il gancio a foglia fino ad ottenere un composto di briciole. Aggiungere lo zucchero, il sale e la farina di mandorle. Infine aggiungere l'uovo e la vaniglia. Lavorare velocemente, dividere l'impasto in 2 parti, appiattirle e avvolgere in pellicola trasparente. Mettere a riposare in frigo per almeno 2 ore. Stendere l'impasto molto sottile (2 mm) e ritagliare le forme desiderate. Cuocere in forno preriscaldato a 180°C per circa 12 minuti. Una volta raffreddata la torta è pronta per essere farcita. Io ho utilizzato una Camy Cream aromatizzata al limone e ho poi decorato con frutti di bosco, fiorellini freschi e meringhette.




Insomma, dopo circa due mesi finalmente sono riuscita a fare questa torta che fa impazzire il web e ne sono davvero soddisfatta!!!


Naked Cake ai frutti rossi

Questa è la torta che ho preparato per il quarantesimo compleanno di due gemelli. La base è una Molly Cake farcita con Camy Cream aromatizzata al limone e frutti di bosco. Una decorazione semplice con frutti e scritta a sottolineare l'evento..




Buon compleanno ad entrambi e grazie Annarita per aver pensato a me!!!







Pomme d'or

Questo dolce è tutto un esperimento. A partire dallo stampo della Silikomart, "Mela, ciliegia, pesca" il suo nome,e nelle foto la promessa di ottenere dei dolci dalla forma perfetta. Poi l'idea di provare a replicare un dolce della bravissima Pinella, ovviamente semplificato ma comunque non semplice.
E poi rendersi conto che l'ingrediente principale è la "pate de spéculoos" che non troverò mai nei supermercati  della mia città e quindi? E niente, allora parto da zero, o meglio parto dagli  spéculoos, biscotti di origine belga che non ho mai provato ma che mi incuriosiscono troppo (la ricetta la posto prossimamente!), in pratica un pan di zenzero ma molto più croccante. E per finire la glassa a specchio...io ho paura della glassa a specchio perché penso di non essere in grado di farla e di usarla...motivo in più per provare...e allora ecco a voi il mio dolce esperimento!!!


PREPARAZIONI 

Mele caramellate (da preparare un giorno prima)

200 g di cubetti di mele Golden( io ho usato le mele annurche)
15 g di zucchero semolato
3 g di pectina NH
4 g di zucchero semolato ( 2 parte)
15 g di buon rhum scuro
1/4 di scorza d'arancia
35 g di succo fresco d'arancia

I cubetti di mela devono essere intorno ai 3 mm di lato e tutti ben regolari. Fare un caramello con i 15 g di zucchero; aggiungere le mele, la scorza tritatissima dell'arancia e far saltare fino a quando i cubetti diventano traslucidi. Aggiungere il succo dell'arancia e la pectina mescolata con i 4 g di zucchero. Far andare qualche minuto e profumare con il rum. Cuocere ancora pochi secondi e poi distribuire all'interno di stampini in silicone a semisfera. Far riposare in frigo coperto da pellicola e poi congelare


Blanc manger mousseux spéculoos (da preparare al momento)


265 g di latte intero
120 g di pate de spéculoos *
15 g di zucchero semolato
45 g di massa gelatina ( 7.5 g di gelatina granulare 200 Bloom + 37.5 g d'acqua)
225 g di panna montata lucida al 35% di grassi

Idratare la gelatina con l'acqua indicata e scaldarla brevemente al microonde. Riscaldare il latte, aggiungere la pate de spéculoos, la gelatina e mixare con un mixer ad immersione. Quando la T scende intorno i 22-25°C, fluidificare con la panna mescolando delicatamente.

*La ricetta nel prossimo post


Glacage spéculoos (da preparare un giorno prima)

75 g di latte intero
75 g di panna fresca al 35% di grassi
115 g di sciroppo di zucchero 30°B ( preparato con la proprzione di 135 g di zucchero+100 g d'acqua)
200 g di cioccolato bianco 
32 g di massa gelatina ( preparata con 5.3 g di gelatina 200 Bloom + 26.7 g d'acqua)
60 g di pate de spéculoos 


Idratare la gelatina con l'acqua indicata e quindi scaldarla brevemente al microonde. Far bollire insieme il latte con la panna e lo sciroppo, unire il cioccolato e scaldare fino a 103°C. Far scendere la T a 80°C e unire la massa gelatina. Mixare per un paio di minuti senza formare bolle; aggiungere la pate de spéculoos e mixare ancora. Coprire con pellicola a contatto e conservare in frigo per una notte.



MONTAGGIO DEL DOLCE

Estrarre le semisfere congelate dallo stampo. Far combaciare le due parti in modo da formare una sfera. Il bordo di giunzione deve essere ben liscio. Riporre in congelatore le sfere fino al momento dell'uso. 
Dopo aver preparato il blanc manger, colarne una parte (circa 1/3 in altezza dello stampo) all'interno dello stampo per mela. Far prendere una leggera consistenza in freezer e poi inserire all'interno la sfera di mele. Ricoprire con il blanc manger cercando di non lasciare vuoti. Riporre in congelatore e far solidificare.
Estrarre dal freezer e prepararsi per il glassaggio. Scaldare la glassa fino a circa 30°C. 
Porre il dolce su una gratella e far colare la glassa. Far solidificare in frigo.
Per la decorazione sbriciolare gli spéculoos e metterli al centro del piatto, poggiare delicatamente il dolce, spruzzare con polvere oro e decorare con una foglia realizzata in pasta di zucchero e dipinta con colorante oro. Infine inserire il picciolo della mela (eventualmente anche questo può essere dipinto color oro).



La ricetta originale prevede anche l'inserimento di una semisfera di cremoso alla vaniglia e di croccante di spéculoos ma, per mancanza di tempo, non sono riuscita a realizzarlo, Inoltre il dolce andava poggiato su un dischetto di pasta sablee. Li ho preparati ma il risultato è stato deludente, sia per la consistenza che per il sapore...forse ho sbagliato qualcosa ma riproverò. Alla fine l'ho sostituita con gli stessi biscotti sbriciolati ed il risultato è stato più che convincente.
Ora posso dirmi davvero soddisfatta....la glassa a specchio è riuscita, la pate di spéculoos pure, e degli stampi che dire? Davvero fantastici!!! Ho già in mente un'altra idea da provare....



Bignè tiramisù

Giusto un pochino di ritardo...circa una settimana...ma un dolcetto per l'onomastico di mio fratello Giancarlo dovevo farlo!!! Era tanto che non preparavo i bignè e questa era l'occasione giusta. La ricetta della pasta bignè è quella che ho utilizzato al corso di Aurora Cantarella, la pasta craquelin al cacao è tratta dal sito Pianeta Dessert, come pure l'idea della doppia crema per la farcitura che ricorda il famoso tiramisù. Una crema pasticcera al caffè, l'altra al mascarpone e una piccola aggiunta di gocce di cioccolato per dare croccantezza.
Vi presento quello che a casa mia è stato ribattezzato "bignamisù"...


INGREDIENTI

Pasta bignè

Acqua 125 g
Burro 125 g
Farina 00 125 g
Uova intere 225 g
Sale 1 g
Zucchero 1 g

Pasta craquelin

Burro 70 g
Zucchero a velo 70 g
Farina 50 g
Cacao amaro 10 g

Crema pasticcera al caffè

Latte 250 ml
Tuorlo 110 g
Zucchero 75 g
Maizena 20 g
Vaniglia 1/2 bacca
Caffè solubile 1 cucchiaio
Sale 1 pizzico

Crema tiramisù

Tuorlo 60 g
Zucchero 60 g
Acqua 10 g
Mascarpone 250 g


PROCEDIMENTO

Il giorno prima preparare i la pasta craqueline e i bignè.
Per la pasta craquelin mettere tutti gli ingredienti in un mixer, frullare bene fino ad ottenere un composto omogeneo. Stenderlo tra 2 fogli di carta forno ad uno spessore di 2 mm e mettere a raffreddare in freezer. Per i bignè: inserite in un pentolino acqua, sale, zucchero e burro e, appena inizia a bollire, versare a pioggia la farina e mescolare con un cucchiaio di legno fino ad ottenere un composto asciutto. Inserirlo in planetaria e mescolare con il la frusta K. Aggiungere un uovo per volta fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo. Con l'aiuto di una sac a poche formare i bignè e su ognuno poggiare un dischetto di pasta craqualin della stessa grandezza del bignè. Cuocere in forno ventilato a 200°C per circa 15 minuti. Sfornare, far raffreddare e mettere da parte.
Il giorno successivo preparare le 2 creme. 
Per la crema al caffè portare ad ebollizione il latte con la bacca di vaniglia e il sale. Aggiungere il caffè solubile facendolo sciogliere bene. Versare a filo sul composto di  uova, zucchero e maizena. Rimettere sul fuoco e cuocere fino a che la crema si addensa. Raffreddare rapidamente, coprire con pellicola a contatto e riporre in frigo. 
Per la crema tiramisù preparare una patè a bombe. Si può fare anche in microonde seguendo questo metodo: versare gli ingredienti in un recipiente adatto e mescolare bene. Inserire in microonde e cuocere per 30 sec a massima potenza. Girare il composto e ripetere l'operazione fino a raggiungere la temperatura di 67°C (pastorizzazione del tuorlo). Montare il composto fino al raffreddamento. Aggiungere il mascarpone e montare fino ad ottenere una crema sostenuta. 
A questo punto tagliare i bignè e farcire prima con crema a caffè e gocce di cioccolato e poi completare con la crema tiramisù..



Ok, ci ho messo un po' di tempo ma mi sono fatta perdonare...vero Giancarlo??? Tantissimi auguri da tutti noi!!




Tarte Infiniment Café di Pierre Hermé

E nonostante tutte le difficoltà di questi giorni eccomi qui con il mio dolce di Pierre Hermé. Quando ho visto il post pubblicato da Pinella Orgiana sul suo blog ho pensato subito che dovevo partecipare a questo contest.
Inutile dire che il premio finale, ovvero un corso con il Maestro Hermé, è un sogno che mi fa quasi paura...ma, al di là di tutto, questo dolce è soprattutto per me.
Perché alla fine io torno sempre tra zucchero e farina e ogni dolce è una scoperta e un'emozione.
Questo poi è davvero sublime....vi presento la mia versione della Tarte Infiniment Cafè in versione monoporzione.







Composizione del dolce

Paté Sucrée Beurrée
Biscuit à la cuillère
Ganache al caffè
Sciroppo al caffè
Crema chantilly al caffè

Dosi per 6 monoporzioni

Paté Sucrée Beurrée
(da realizzare la sera precedente)

Burro a temperatura ambiente 150 g

Zucchero a velo 95 gFarina di mandorle 30 grUova 50 g
baccello di vaniglia ¼
Tuorli 50 g
Zucchero semolato extra fine 35 g
Farina 00 20 g
Zucchero a velo per spolverare
Panna fresca al 35% 70 g
Caffè macinato 7 g
Fior di sale 2 pizzichi
Farina 00  W< 200 150 g

Inserire in planetaria il burro a pezzetti e lavorarlo fino ad ottenere una crema. Aggiungere lo zucchero a velo setacciato, la farina di mandorle, le uova, il sale,  i semini della bacca di vaniglia e in ultimo la farina. Lavorare rapidamente fino ad ottenere una palla. Coprire con pellicola e porre in frigo a riposare.
Il giorno seguente estrarre dal frigo, inserire l’impasto tra due fogli di carta forno e stendere con un matterello cercando di ottenere uno spessore di 2 mm. Riporre in frigo a rassodare. Con un coppapasta di diametro 7 cm coppare dei dischetti e posizionarli su un tappetino di silpat. Cuocere in forno preriscaldato a 180°C per 8-10 minuti finchè i dischetti risultano dorati. Estrarre dal forno e lasciar  raffreddare.

Biscuit à la cuillère

Albumi 35 g

Montare i tuorli con 2/3 dello zucchero finchè diventano spumosi. A parte montare gli albumi con lo zucchero rimanente. Con una spatola incorporare la farina setacciata ai tuorli e successivamente gli albumi facendo in modo da non smontare il composto. Mettere la massa in sac a poche e con una bocchetta liscia riempire uno stampo quadrato da 20 cm di lato poggiato su un foglio di carta forno. Spolverare con zucchero a velo.
Cuocere in forno preriscaldato a 200°C per circa 5 minuti. Sfornare e lasciar raffreddare.
Servendosi di un coppapasta circolare di diametro 7 cm ritagliare dei dischetti di biscuit.

Ganache al caffè
(da preparare il giorno prima)

Cioccolato bianco da copertura  di ottima qualità 100 g

Spezzettare il cioccolato e metterlo in una ciotola. Portare ad ebollizione la panna e versarvi il caffè macinato. Filtrare immediatamente e versare la panna sul cioccolato. Mescolare bene per farlo sciogliere. Omogeneizzare il composto usando il minipimer.
Versare in stampini di  silicone a forma di semisfera del diametro di 3.5 cm e metter in freezer.
Tenerne da parte una piccola quantità  che servirà per attaccare il biscuit alla base di sablè.

Sciroppo al caffè
Caffè forte 50 g
Acqua 30 g
Zucchero semolato 30 g

Preparare il caffè. Portare ad ebollizione acqua e zucchero per ottenere uno sciroppo. Versare il caffè, mescolare e lasciar raffreddare.

Crema chantilly al caffè
(da preparare il giorno prima)

Panna fresca al 35% 320 g
Gelatina in fogli 2 g
Caffè liofilizzato 1 cucchiaio colmo
Zucchero a velo 60 g

Idratare la gelatina mettendola in acqua fredda. Portare ad ebollizione la panna, aggiungere il caffè, lo zucchero e la gelatina strizzata. Versare in una ciotola, coprire con pellicola a contatto e far raffreddare rapidamente in un bagno di acqua e ghiaccio. Riporre in frigo per l’intera notte.
Estrarre da frigo, montare e, con l’aiuto di una sac a poche, riempire degli stampi di silicone a forma di semisfera. Riporre in frigo a rassodare. Inserire le semisfere di ganache al caffè e riporre in freezer.


 Assemblaggio del dolce

Disporre nel piatto i dischi di sablè, spalmarli con un sottilissimo strato di ganache al caffè. Attaccare i dischi di biscuit e spennellarli con lo sciroppo al caffè. Smodellare le semisfere di crema chantilly con cuore di ganache e poggiarli sopra i dischi di biscuit.
Spolverizzare con cacao amaro.




E qui dopo il taglio....




Grazie Pinella per questa possibilità e in bocca al lupo a tutti!!!!

News

Promessa di matrimonio

Un'idea carina da regalare agli ospiti per una promessa di matrimonio dall''atmosfera natalizia. Tre biscottini nei colori rosso...