Visualizzazione post con etichetta pasta frolla. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta pasta frolla. Mostra tutti i post

mercoledì 19 aprile 2017

Biscotti dipinti

Quando ero piccola e mi sentivo un po' giù l'unica cosa che mi piaceva fare era disegnare o dipingere con gli acquerelli. Oggi, come allora, mi rifugio nei miei disegni o nei miei esperimenti di cake design.
Quattro biscotti, colori alimentari, pennelli e alcool...




Niente pasta di zucchero, niente ghiaccia reale....solo pasta frolla e il gioco è fatto! Ricaricata da questo esperimento mi preparo per i prossimi lavori!!!


domenica 19 febbraio 2017

Tarte au citron (con un tocco al cioccolato)

Oggi vi presento la ricetta che ho testato per il Cakes Lab. Il libro scelto per questo mese è Il piccolo libro di Chocolat di Joanne Harris. Dopo aver vinto con la mia ricetta di torta quattro quarti alle mele caramellate, mi è stata data la possibilità di entrare a far parte dello staff e quindi di provare anche io a realizzare una delle ricette del libro. La mia scelta è ricaduta su questa torta che mi ha subito colpita per il particolare accostamento di sapori: limone e cioccolato fondente!!!



 La ricetta non è difficile da realizzare ed è scritta in modo abbastanza semplice ma secondo me c'è qualche piccola imperfezione di cui vi parlerò dopo...

INGREDIENTI

farina 150 g
burro freddo tagliato a cubetti 75 g
zucchero 25 g
uovo 1

Ripieno 1

uova 2
zucchero 50 g
scorza e succo di 2 limoni non trattati
panna 175 ml

Ripieno 2

cioccolato fondente tagliato a pezzetti 60 g
panna 100 ml

PROCEDIMENTO

Porre farina e burro in una ciotola e lavorare finché non si formano delle briciole. Aggiungere lo zucchero e incorporarlo. Sbattere l'uovo e mescolarlo agli ingredienti asciutti finché l'impasto non diventa una palla. Avvolgerla in  pellicola e farla riposare in frigo per 30 minuti. Preriscaldare il forno a 190°C e imburrare una teglia da crostata da 23 cm (io con la stessa dose ne ho preparate 2 piccole).
Stendere la pasta su una superficie fresca e lievemente infarinata e inserirla nello stampo senza tirare troppo la pasta. Rifinire i bordi. Bucherellare la base con una forchetta, foderare con carta forno, riempire con fagioli secchi e cuocere per 20 minuti. Abbassare la temperatura a 150°C, rimuovere i fagioli e proseguire la cottura per altri 10 minuti.
Nel frattempo preparare il ripieno 1 sbattendo insieme le uova, lo zucchero, il succo, la scorza dei limoni  e la panna. Per preparare il ripieno 2, fondere il cioccolato a bagnomaria, aggiungere la panna e mescolare finché il composto non è omogeneo. 
Assemblare il dolce: versare il composto al limone nell'involucro di pasta frolla, poi versarvi adagio il cioccolato dall'alto in sottili motivi circolari. Usando un coltello sottile, girare un poco il composto in modo da creare un effetto marmorizzato. Porre la torta la centro del forno caldo (150°C) per 30 minuti, finché la crema non è appena rappresa, poi servire calda o fredda.




Allora devo dire che questo accostamento particolare mi ha stupita. I due ripieni si fondono in modo perfettamente armonico. Detto ciò, ci sono un paio di cose che non mi hanno convinta: il ripieno al limone è davvero troppo liquido, forse andrebbe diminuita la quantità di succo di limone, ma questo può dipendere dai limoni!!! La seconda cosa da notare è invece un passaggio della ricetta a mio parere assolutamente da non fare: per il ripieno 2 dice di fondere il cioccolato a bagnomaria e poi di versarvi la panna....non fatelo!!! La panna fredda cristallizza il cioccolato e non si amalgama con lo stesso. In realtà si tratta di una ganache, quindi è molto più semplice far bollire la panna e versarla sul cioccolato tagliato a pezzetti. Così non si avranno brutte sorprese.

Tirando le somme, nonostante qualche piccolo problema, il sapore del dolce mi ha convinta e per questo motivo la ricetta merita comunque una faccina sorridente.



Grazie a tutto lo staff del Cakes Lab per questa bellissima opportunità che mi è stata data. Io finisco qui il mio test ma sicuramente continuerò nei prossimi mesi a provare le ricette che saprete proporci. A presto!!!!!!

giovedì 19 gennaio 2017

Crostatine al cacao con crema di ricotta e marmellata di mandarini

Negli ultimi giorni il mio frigo ha iniziato a dare segni di squilibrio e visto che avevo ancora un po' di pasta frolla al cacao surgelata, ho deciso di usarla prima che fosse troppo tardi! Queste crostatine sono quindi il mio dolce del recupero di questa settimana...





La ricetta della frolla è sempre quella del maestro Knam, che trovate qui sul blog, il ripieno è realizzato con marmellata di mandarini (fatta da mio padre!) e una crema di ricotta ottenuta semplicemente setacciando 150 g di ricotta di pecora  e aggiungendo 10 ml di liquore all'arancia, 3 cucchiai abbondanti di zucchero semolato (ovviamente dipende dai gusti, a me non piace troppo dolce) e 40 g di gocce di cioccolato fondente. Ho foderato le tortiere con la pasta, ho steso un sottile strato di marmellata e ho versato la crema di ricotta. Infine ho decorato con strisce di pasta frolla e cotto in forno preriscaldato a 180°C per circa 40 minuti.


 

E sperando che questo brutto tempo finisca, auguro a tutti voi un dolce giovedì!!!

mercoledì 21 dicembre 2016

Biscotti di vetro

Anche io ho voluto provare a realizzare questi bellissimi biscotti. Nella versione originale si usano caramelle dure, io ho utilizzato l'isomalto.
La base è sempre la solita pasta frolla dei miei biscotti. Per ottenere l'effetto vetro ho sciolto l'isomalto e ho aggiunto una punta di colorante azzurro in gel. Ho poi posizionato i biscotti (precedentemente cotti) su un foglio di silpat e ho colato l'isomalto.



E ora inizia ufficialmente la settimana più incasinata dell'anno....ma anche il mio periodo preferito. E questi biscotti danno un tocco di magia all'atmosfera natalizia!!! Una bellissima idea anche come regalino da appendere all'albero...peccato che ho dimenticato di fare il buchino alla frolla!!!






mercoledì 7 settembre 2016

Crostata di semola

Durante uno degli ultimi giri al supermercato, una delle attività preferite da mio marito, ho trovato delle nuove farine #selezionecasillo e, tra queste, le "Semole d'Autore" per frolle, biscotti e crostate che mi ha molto incuriosito.
Così ho provato a realizzare una frolla con la ricetta proposta sul loro sito e ho fatto una crostata con la marmellata di susine (sempre opera di mio padre!).
E, visto che c'ero, ne ho approfittato per provare anche lo stampo per fare l'intreccio della crostata preciso...me lo hanno regalato già da un po' ed era arrivata l'ora di usarlo!!!


INGREDIENTI

Farina "Semole d'autore" per frolle, crostate, biscotti 500 g
burro 250 g
zucchero a velo 250 g
tuorli 140 g
1/2 bacca di vaniglia

PROCEDIMENTO

Mescolare zucchero, burro, vaniglia e tuorli. Aggiungere la farina, impastare rapidamente. Formare un panetto, metterlo in frigo coperto da pellicola per almeno 2 ore.



Io ho fatto una semplice crostata ma questa frolla si  adatta a molte preparazioni. La semola conferisce una consistenza più rustica e un sapore molto gradevole.
E finalmente ho realizzato una crostata con le strisce tutte uguali!!! Ci voleva lo stampo...potevo pensarci prima!!!

domenica 31 luglio 2016

Crostata con crema frangipane, percoche caramellate e crumble allo zenzero

Per questa crostata ho tratto spunto dal libro "Progetto Crostate" di Federico Prodon che, tra le tante ricette, realizza una crostata con frolla rustica, crema frangipane e mele caramellate.
Ho provato a fare la sua frolla e a cuocerla nel mio stampo microforato per crostate nuovo nuovo che ho acquistato ultimamente. Però, visto che non è tempo di mele, ho sostituito questa parte del dolce con delle pesche caramellate, o meglio con le percoche, delle pesche molto sode che dalle mie parti si mangiano di solito immerse nel vino.


INGREDIENTI

PER LA FROLLA

Burro 125 g
Sale 1 g
Scorza di arancia
Scorza di limone
Farina 00 250 g
zucchero semolato 65 g
zucchero di canna 65 g
uova 50 g

PER LA CREMA FRANGIPANE

Burro 75 g
Zucchero semolato 88 g
Farina di mandorle 88 g
Tuorli 20 g
Uova 60 g

PER LE PESCHE CARAMELLATE

3 pesche percoche tagliate  a dadini
zucchero semolato 75 g
burro 10 g

PER IL CRUMBLE ALLO ZENZERO

Burro 65 g
Zucchero semolato 65 g
zenzero in polvere 3 g
Farina 00 100 g
Lievito in polvere 2 g


PROCEDIMENTO

Preparare la frolla: mettere in planetaria  il burro tagliato a dadini con la farina e sabbiare utilizzando la foglia. Aggiungere il sale, gli aromi e infine gli zuccheri e le uova. Impastare fino ad ottenere un composto omogeneo. Stendere tra 2 fogli di carta forno e mettere in frigo a riposare per almeno 3 ore.
Intanto preparare la crema frangipane: lavorare in planetaria il burro fino a renderlo morbido, aggiungere lo zucchero e poi la farina di mandorle. Infine colare a filo i tuorli e le uova. Trasferire in una sac a poche con bocchetta liscia n.6 e mettere in frigo.
Tagliare le pesche a cubetti. Mettere lo zucchero a caramellare in una padella. Aggiungere il burro e infine le pesche. Spadellare per circa 5 minuti. In uno stampo da 16 cm ricoperto di pellicola inserire le pesche caramellate formando uno strato di un cm e mettere a raffreddare in congelatore.
Infine preparare il crumble: lavorare in planetaria il burro con lo zucchero e lo zenzero. Aggiungere la farina  e il lievito setacciati e formare delle grosse briciole con le mani. Mettere in frigo per almeno 2 ore.
A questo punto foderare un cerchio microforato da 20 cm con la frolla (coppare la base e rivestire i bordi con delle strisce). Cuocere in forno a 150 °C per circa 20 minuti su tappetino microforato. Far raffreddare e comporre il dolce: distribuire un sottile strato di frangipane sul fondo, inserire il disco di pesche caramellate e ricoprire con un ulteriore strato di frangipane ed infine con il crumble.
Cuocere in forno preriscaldato a 175°C per circa 45 minuti.


Le dosi della ricetta originale sono leggermente modificate, ad esempio per il crumble ho messo una mezza dose perché con una dose intera si ottiene una quantità esagerata!
Il risultato è buono anche se troppo dolce per i miei gusti...io in genere uso meno zucchero nei dolci, ma è un fatto del tutto personale. Per il resto è stato un esperimento utile per usare sia l'anello che il tappetino microforato con il quale si ottiene una cottura uniforme anche sul fondo della crostata.


domenica 24 aprile 2016

Crostatine alla crema pasticcera e fragoline

In questa giornata piovosa un piccolo dolcetto per portare un po' di allegria ci voleva proprio. E visto che ai miei bimbi piace tantissimo la crema con le fragoline ho fatto queste crostate con pasta sablè, crema pasticcera alla vaniglia e fragoline di bosco.


La pasta sablè è fatta con la ricetta di Leonardo Di Carlo, mentre la crema pasticcera è la ricetta di Giuseppe Manilia, uno dei miei maestri del corso di pasticceria del Gambero Rosso.

INGREDIENTI PER LA CREMA

125 g di panna fresca
375 g di latte intero
150 g di tuorlo
150 g di zucchero a velo
30 g di amido di mais
un pizzico di sale
una bacca di vaniglia

PROCEDIMENTO
Mettere in infusione panna, latte, sale e bacca di vaniglia la sera prima. Mescolare i tuorli con lo zucchero e aggiungere l'amido. Portare ad ebollizione latte e panna, filtrare e versare a filo sulle uova. Mescolare, rimettere sul fuoco e cuocere fino a che la crema si addensa. Versare in un recipiente, coprire con pellicola a contatto e raffreddare rapidamente.


E buona domenica a tutti!!!



giovedì 17 marzo 2016

Pastiera...a 4 mani!!!

La pastiera è un dolce che non ho mai preparato, perchè di solito è compito di mia mamma. Lei prepara quelle di riso che, secondo me, sono insuperabili!!!
Ma questa settimana mio marito, in vena di esperimenti, ha preparato una frolla con lievito madre e, non sapendo cosa farne, abbiamo pensato di sperimentare la pastiera di grano. La frolla è opera sua, il ripieno invece l'ho preparato io con la ricetta del mitico maestro Sabatino Sirica, grande pasticcere napoletano.




INGREDIENTI

Per la frolla:

  • 120 g di lievito madre non rinfrescato da tre giorni (idratazione 50%),
  • 320 g di farina,
  • un uovo ed un tuorlo,
  • 180 gr. di burro
  • 100 di zucchero.
Per il ripieno:
  • 600 g di ricotta
  • 500 g di zucchero (io 450 g perchè non mi piace troppo dolce!)
  • 550 g di grano 
  • 120 g di tuorli
  • 200 g di scorza d'arancia candita
  • 100 g di cedro (io non l'ho messo perchè quello che si vende confezionato non mi piace)
  • vaniglia
  • scorza di arancia grattugiata
  • aroma fior d'arancio

Per prima cosa preparare la frolla, unendo zucchero e burro. Aggiungere gli altri ingredienti, Lavorare velocemente e formare un panetto. Mettere in frigo ricoprendo con pellicola trasparente e lasciar riposare un paio d'ore. Intanto preparare il ripieno: setacciare la ricotta, mescolare con lo zucchero, aggiungere il grano cotto (con uno noce di burro, sale e latte), le uova e gli aromi. Foderare uno stampo da 28 cm con la frolla, aggiungere il ripieno e ricoprire con le classiche striscioline di pasta incrociate. Cuocere a 180°C per circa 90 minuti, o comunque fino a quando il ripieno non sarà abbastanza asciutto e la frolla dorata.

A noi è piaciuta tanto, con questa dose ne abbiamo preparata una da 24 cm e 2 piccoline da 10 cm...in 2 giorni sono praticamente sparite!!! Merito di Chiara che l'ha mangiata anche a colazione!!!

giovedì 18 febbraio 2016

Ovis mollis

Un biscotto che ha un nome davvero buffo di cui non si conosce bene l'origine. La sua particolarità sta nel fatto che i tuorli vengono aggiunti all'impasto dopo averli cotti in modo che diventino completamente sodi.


Il risultato è un biscotto estremamente friabile che si scioglie in bocca...lo avevo letto varie volte su diversi libri ma poi, per un motivo o per un altro, non avevo mai provato. Più che altro mi sembrava strana questa cosa delle uova sode e invece mi sono completamente ricreduta!!!


INGREDIENTI

3 tuorli
120 g di farina 00
60 g di zucchero a velo
120 g di burro morbido
la buccia grattugiata di un limone (io ne ho messo 2)
1\2 bacca di vaniglia
confettura di albicocche per decorare (facoltativa)

PROCEDIMENTO
Portare l'acqua ad ebollizione e versare delicatamente i tuorli. Far cuocere per 5 minuti, quindi scolare e passare al setaccio in un colino a maglia fitta. Montare il burro con lo zucchero, aggiungere la farina, gli aromi e mescolare delicatamente. Aggiungere infine le uova. Formare un panetto e metterlo a raffreddare in frigo coperto da pellicola per almeno 2 ore (io l'ho lasciato per tutta la notte).
Stendere la pasta allo spessore di 1 cm e ritagliare i biscottini nella forma desiderata.
Io ho fatto una leggera pressione al centro in modo da ottenere un  buchino dove inserire la confettura.
Mettere i biscotti su una teglia ricoperta di carta forno e lasciare in frigo per circa mezz'ora prima di infornare a 180°C per 8-10 minuti.
Sfornare i biscotti e metterli a raffreddare. Una volta freddi, decorare con la confettura e con una spolverata di zucchero a velo.


Mettendo la confettura al centro il biscottino sembra proprio un uovo all'occhio di bue!!!
Per aromatizzare si può usare al posto del limone anche arancio o mandarino.


Sono buonissimi, si sciolgono letteralmente in bocca....da rifare!!!

martedì 25 agosto 2015

Biscottini di pasta frolla montata

Ogni volta che vedo in qualche negozio la macchina spara biscotti penso sempre: ora la compro! Poi vedo il prezzo e puntualmente cambio idea. Stavolta però ho trovato un'imitazione in una famosa catena di supermercati e ho deciso di comprarla spinta anche dalle urla di Chiara e Carlo che, come sempre, mi incitavano: Compra mamma, comprala!!!
Ok, comprata e anche provata....un disastro! Ovviamente vale quello che costa e sembra più una macchinetta di quella che usano i bambini per la plastilina che uno strumento da pasticceria. Ma dovevo aspettarmelo no?
Il punto è che avevo già preparato la mia bella pasta frolla montata con il Bimby seguendo la ricetta della mia amica Clara che lei ha più volte sperimentato con successo...quindi cosa fare? Dopo vani tentativi con la macchina infernale (ci ha provato anche mio marito con gli stessi risultati) alla fine ho avuto l'idea: prendo la sac a poche, strumento a me più congeniale, e vado.
Questo il risultato...


INGREDIENTI

280 g di farina 00
50 g di amido di mais
200 g di burro
1 uovo
110 g di zucchero a velo
un pizzico di sale
essenza a piacere (io vaniglia)

PROCEDIMENTO

Inserire la farfalla nel Bimby e montare il burro con lo zucchero. Aggiungere gli altri ingredienti e mescolare bene. Inserire l'impasto nella sparabiscotti (o sac a poche) e formare i biscotti direttamente sulla teglia ricoperta di carta forno.
Cuocere in forno preriscaldato a 180°C per circa 15 minuti o finchè sono diventati dorati.


Il sapore è davvero ottimo. Sicuramente li rifarò appena il clima permetterà di inzupparli in una bella tazza di the caldo.

News

Torta soffice al latte di cocco