Visualizzazione post con etichetta dolci semplici. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta dolci semplici. Mostra tutti i post

Una crostata a colazione!!!!

Avevo in frigo una dose di pasta frolla, quella preparata con la ricetta di Knam. e ho pensato di fare una semplice crostata con la crema di marroni....buonissima!!!






Chiffon Cake all'arancia

Ogni volta che Chiara o Carlo invitano un amichetto a casa e io gli chiedo che dolce vogliono per la merenda, la risposta è sempre la stessa: vulcano di zucchero...ovvero Chiffon Cake!!! Ormai è un incubo e, visto che non mi piace fare sempre gli stessi dolci, cerco almeno di fare qualche variazione. Questa è la mia solita ricetta però al posto dell'acqua ho messo il succo di arancia (160 g in tutto) e la buccia di 2 arance grattugiata fine.



La cosa positiva è che per domani abbiamo già la merenda per la scuola...buonissima e supersoffice, questa torta non delude mai!!!!!!!!!!!






Torta di mele con mandorle e bergamotto

La torta di mele è per me il confort food per eccellenza, qui sul blog non so più quante versioni ce ne sono ma, nonostante ciò, continuo sempre a provare nuove varianti. Questa è molto particolare, fatta con mela annurca (tipica della mia regione e proveniente direttamente dal giardino di mio padre!), farina di mandorle e farina di farro, zucchero di canna e qualche goccia di olio essenziale di bergamotto che le conferisce un aroma fresco e avvolgente...



INGREDIENTI

Burro morbido 110 g
Zucchero di canna 150 g
Uova intere 2
Farina 00 110 g
Farina di farro 50 g
Farina di mandorle 50 g
Lievito per dolci 1 cucchiaino
Sale un pizzico
Mele sbucciate e tagliate a dadini 4 piccole
Olio essenziale di bergamotto 4 gocce
Mandorle tagliate grossolanamente 
Confettura di albicocche 2 cucchiai


PREPARAZIONE

Lavorare con le fruste il burro e lo zucchero fino ad ottenere un composto spumoso, unire un uovo alla volta e far incorporare bene. Aggiungere le farine, il lievito, il sale e l'olio essenziale di bergamotto. Mescolare bene fino ad ottenere un impasto omogeneo. Infine incorporare le mele. Versare il composto in una teglia del diametro di 20 cm imburrata e infarinata, ricoprire con le mandorle e cuocere in forno preriscaldato a 180°C per 50-60 minuti. Lasciar raffreddare, toglierla dalla teglia e spennellare con confettura di albicocche leggermente scaldata in microonde.



Questa doveva essere la merendina per la scuola per Chiara e Carlo ma è arrivata a stento al giorno dopo!!!




Una torta soffice per la colazione

Svegliarsi alle 6 anche il sabato mattina per andare al lavoro, alzarsi dal letto e sentire subito freddo non è proprio il massimo però in fondo a me non dispiace. Se c'è una cosa alla quale non posso rinunciare è la colazione, a qualsiasi ora mi sveglio io devo avere il mio cappuccino, le fette biscottate homemade con la marmellata di mio padre, biscotti vari, almeno 3 tipi di cereali e poi deve esserci qualcosa di soffice...una fettina di ciambella come questa, semplice, profumata e morbidissima!!!
Questa ricetta l'ho vista sul sito di Cakemania e mi ha subito conquistata. Pochissimi ingredienti e 5 minuti per prepararla. Non contiene né olio né burro ma è resa morbidissima dalla presenza di formaggio fresco spalmabile. Io l'ho arricchita con frutti di bosco ma le variazioni sono davvero infinite




INGREDIENTI

Zucchero 150 g
Farina 00 200 g
Formaggio fresco spalmabile (Arla) 300 g 
Uova 2
Lievito per dolci 10 g
Frutti di bosco 70 g

PROCEDIMENTO

In planetaria sbattere il formaggio con lo zucchero fino ad ottenere una crema soffice. Aggiungere le uova una per volta facendo assorbire bene. Infine aggiungere la farina ed il lievito setacciati e per ultimo i frutti di bosco. Versare in uno stampo a ciambella e cuocere in forno preriscaldato a 160°C per circa 45 minuti. Sfornare, lasciar raffreddare e cospargere di zucchero a velo.




Con questa ricetta partecipo ad un dolcissimo GiveAway di Cakemania. Buona fortuna a me!!!

#quellogenuino #Arla #im_cakemania

Ciambelline sofficissime all'arancia

La ricetta è quella del plum cake soffice limone e olio d'oliva tratta dal libro di Leonardo di Carlo. Questa è la mia reinterpretazione. Prima di tutto la forma non è quella del classico plum cake ma ho usato degli stampini in silicone a forma di ciambella, uno di quelli acquistati e poi dimenticati...posso metterci un po' di tempo ma prima o poi trovo il modo di utilizzarli!
Poi la ricetta originale prevede la buccia di limone grattugiata ma, non avendo limoni bio, ho optato per la pasta d'arancio che ha conferito un'aroma davvero molto gradevole. Ultima cosa: nella ricetta originale si usa l'olio d'oliva ma, visto che non ne avevo uno dal gusto leggero, ho preferito usare l'olio di semi per non modificare troppo il gusto del dolce.




INGREDIENTI

Zucchero semolato 200 g
Uova intere 250 g
Miele di acacia 20 g
Sale fino 2 g
 Acqua 60 g
Succo di limone 20 g
Olio di semi di mais 135 g
Farina 00 200 g
Lievito per dolci 8 g
Pasta d'arancia 40 g

PROCEDIMENTO

In planetaria montare le uova con lo zucchero, il miele, il sale e la pasta d'arancio. Aggiungere a filo l'acqua, il succo di limone e l'olio. Infine unire la farina ed il lievito setacciati. Versare negli stampi e cuocere in forno preriscaldato a 180°C per circa 25-30 minuti (40 minuti nel caso si utilizzi uno stampo unico da plum cake).






Chiffon cake...perfetta!!!

E'vero, questa torta l'ho preparata almeno un centinaio di volte e molti sono i post sul mio blog al riguardo. E allora perché di nuovo??? I motivi sono vari...
Prima di tutto perché proprio averla fatta tante volte mi ha permesso di capire vari trucchetti per far sì che la ricetta sia infallibile ed ho pensato di metterli in questo post.
Poi perché è un po' la torta dei miei bimbi, loro la chiamano Vulcano di Zucchero!!! Praticamente ogni volta che chiedo quale dolce devo preparare magari per una festa a scuola o per la merendina con gli amichetti non ci sono dubbi, la risposta è sempre la stessa: Vulcano di Zucchero!!!
L'ultimo motivo per cui ho deciso di pubblicare un altro post con questo dolce è perché da questa settimana il mio blog ha anche una pagina facebook: Zuccherofondente ed è il mio piccolo ringraziamento per tutti quelli che hanno lasciato un "Mi piace".
Ma veniamo alla ricetta....e, prima di tutto, alla foto...


INGREDIENTI

6 uova extra-large (o 7 normali)
300 g di farina 00
300 g di zucchero semolato
8 g di cremor tartaro
16 g di lievito per dolci
un pizzico di sale
125 g di olio di mais
160 g di acqua
la buccia grattugiata fine di due limoni

PROCEDIMENTO

Inserire in planetaria gli albumi e iniziare a montare con la frusta, appena iniziano a fare la schiuma versare 100 g di zucchero mescolato con il cremor tartaro e continuare a montare alla massima velocità finché saranno ben fermi. Mettere da parte e procedere con i tuorli.
Inserire i tuorli in planetaria con i restanti 200 g di zucchero e montarli finché diventano chiari e spumosi. Aggiungere di seguito il sale, la buccia di limone, l'olio e l'acqua, sempre con la frusta in movimento ma riducendo la velocità ad ogni aggiunta.
A questo punto incorporare la farina e il lievito precedentemente setacciati al composto di tuorli, infine incorporare gli albumi in 3 dosi mescolando delicatamente dal basso verso l'alto per non far smontare il composto.
Versare nell'apposito stampo di alluminio (vedi dopo) e cuocere in forno preriscaldato a 180°C per circa 55 minuti. Controllare che il dolce sia pronto facendo la prova con uno spiedino di legno.
Estrarre dal forno e mettere a raffreddare capovolto.
Quando è completamente freddo staccare dai bordi aiutandosi con un coltellino e  sformare.


E fin qui la ricetta....ecco invece i trucchetti di cui parlavo prima:

Per le uova io uso sempre le extra-large ed in più aggiungo 2-3 albumi che magari mi sono avanzati da qualche preparazione precedente.

E' indispensabile montare gli albumi con il cremor tartaro che serve per stabilizzare la massa, si trova facilmente in farmacia o erboristeria.

Bisogna utilizzare l'apposito stampo in alluminio, che si può acquistare nei negozi specializzati oppure on line, perchè è dotato di 3 piedini che permettono di capovolgere il dolce e tenerlo staccato dal piano mentre si raffredda, come si vede dalla foto...


Come ultimo consiglio è fondamentale che lo stampo sia ben pulito e senza alcuna traccia di grasso, altrimenti quando si capovolge il dolce scivola giù...questo non compromette il risultato dal punto di vista del gusto (mi è capitato varie volte!!!) ma la chiffon cake si ammassa e non risulta più bella alta come dovrebbe. Allora per stare sicura, oltre a lavare il recipiente con acqua bollente, ho versato del succo di limone (ma va bene anche un pochino di aceto) e poi ho asciugato perfettamente con carta assorbente.

Ah....mi raccomando, lo stampo non va né imburrato e né infarinato...altrimenti è tutto inutile!!!


E penso che con questo ho spiegato tutto quello che con l'esperienza ho imparato per fare questo dolce. Ovviamente ci sono tante varianti, a volte ad esempio sostituisco il limone con l'arancia oppure metto semplicemente della vaniglia naturale. Oppure lo preparo al cacao sostituendo 50 g di farina con altrettanto cacao amaro.

News

Brioche con lievito madre

Era davvero da tantissimo tempo che non preparavo queste brioche...le mie brioche preferite. Il nuovo lavoro, gli impegni vari, le preoccup...